Pubblicato in: Riflessioni

Un anno di Sir Blake

Oggi ricorre una data molto importante per me per due motivi: uno riguarda il mio lavoro, mentre l’altro l’uscita del mio primo libro fantasy. Entrambi coincidono sia per il giorno sia per la data, e se del primo avrò modo di gioire in privato, per il secondo invece voglio festeggiare insieme a voi.

Il 16 Dicembre del 2019 nasceva infatti Sir Blake nel Regno dei Sidhe. Ufficialmente, almeno. Nella mia testa infatti è nato molti anni prima, precisamente nel maggio del 2017. Mi trovavo a Scilla, una località balneare calabrese e osservavo le barche passare sullo Stretto di Messina. Penso che allora l’ispirazione mi sia venuta pensando al mito della Fata Morgana (che infatti poi è diventata una dei personaggi del mio libro). Da quell’idea, ho iniziato a lavorare alla trama, all’ambientazione (il Galles), ai personaggi e ai messaggi importanti che volevo dare.

Qui vi parlo del perché alla fine ho scelto di ambientare il romanzo in Galles.

Negli Store Online, come ho detto, Sir Blake esordisce il 16 Dicembre 2019.

Devo dire la verità: all’inizio ero così felice e emozionato che mi aspettavo chissà cosa.

Un autore esordiente infatti pensa che appena il suo romanzo esce ci siano i lettori lì a comprarlo, come se aspettassero tutti lui. Scordatevi di questa cosa. Il lavoro vero arriva dopo, quando bisogna promuovere il libro per far sapere a tutti che esiste. Perché un libro, da solo, non va da nessuna parte.

Perciò, mi sono tirato su le maniche e ho iniziato a farmi conoscere.

Per prima cosa sono andato nelle librerie della zona, pregandole affinché ordinassero qualche copia del libro. Da una parte io, emozionatissimo, che comunicavo che sì, proprio io, avevo pubblicato un libro – e con una casa editrice, anche! – dall’altra loro, impassibili, che mi rispondevano che tanto non lo avrebbero ordinato perché ero uno sconosciuto. Ricordo di aver provato una tristezza immensa, che con l’aggiunta del rifiuto da parte della Biblioteca per ragazzi di Modena (sempre per la stessa ragione), si è trasformata in delusione.

Ho avuto anche tante soddisfazioni però, e mi sembra giusto festeggiare anche quelle. Molte librerie, per esempio, hanno accolto il mio libro a braccia aperte (la Mondadori a Porto Bolaro di Reggio Calabria, la Mondadori Point e la Feltrinelli di Modena, la Mondadori di Carpi e The Italian Bookshop di Londra); inoltre, la Biblioteca di Formigine ha accettato di inserire Sir Blake nel loro catalogo.

Inoltre, e questa è la soddisfazione più grande, Sir Blake ha avuto delle segnalazioni su delle riviste prestigiose: Topolino (per ben due volte!), il Giornalino e Confidenze. In particolare, per me essere apparso su Topolino rappresenta la realizzazione di un sogno, perché quella rivista è un po’ l’amico che accompagna tutti i bambini durante la loro crescita.

Il folletto Malambruno ha ricevuto anche dei video saluti dal programma Gormiti Show!

Ho ricevuto anche un articolo dalle Ferrovie dello Stato https://www.fsnews.it/it/eventi/libri/2020/5/4/libri-per-bambini.html

Per quanto riguarda i lettori, ringrazio tutti quelli che hanno comprato il mio libro. Se da una parte sono strafelice per la loro gentilezza, dall’altra mi faccio tante paranoie quando non ricevo feedback da qualcuno di loro, perché penso che forse si vergognano a darmi dei pareri sul libro. Se, per esempio, dovessi basarmi su chi ha lasciato recensioni su Amazon, il mio libro lo hanno letto solo 19 persone. So che non è così, per fortuna.

Se comunque volete lasciare una recensione, ecco il link: https://www.amazon.it/Sir-Blake-nel-regno-Sidhe/dp/8899660980

Altra cosa di cui sono grato a Sir Blake è di avermi fatto conoscere tanti disegnatori. Grazie alle iniziative che propongo quotidianamente su Instagram, un sacco di ragazzi realizzano le loro versione dei miei protagonisti. Illustrazioni dettagliate, bellissime, che dimostrano quanto ancora le persone amino l’Arte. Per me è un piacere supportare i giovani artisti e tra l’altro è una cosa che mi diverte davvero tanto.

Concludo dicendo che per me Sir Blake rappresenta il mio trampolino di lancio. Sarò ancora acerbo, anzi sicuramente lo sono, ma ho tanta voglia di fare e di dimostrare quanto valgo. Sono ancora agli inizi certo, me ne rendo conto, ma oggi vorrei darmi una pacca sulla spalla e dirmi che sono stato bravo, perché me lo merito.

Intervista con la mia Casa Editrice

Nel 2021 uscirà il seguito di Sir Blake, ambientato oltre che nel  Galles anche in Irlanda, e io non vedo già l’ora di potervene parlare. Se vi va, continuate a supportarmi e a credere nel mio sogno. Ve ne sarò per sempre grato.

Vi lascio con il BookTrailer del mio libro, realizzato da me.

Alla prossima,

Lorenzo.

Pubblicità
Pubblicato in: Recensioni

I Leggendari: Le Porte di Avalon di Angy Pendrake

È successo più di mille anni fa. La guerra per Camelot era nella sua fase più accesa e crudele. Una battaglia in particolare fu la più terribile di tutte: ci furono solo due sopravvissuti, Artù e Mordred. Si dice che si salvarono entrambi, ma Artù non fu più ritrovato.

Esistono due mondi paralleli che interagiscono tra di loro da moltissimi secoli: quello reale, in cui viviamo noi, e quello magico, dove vivono gli Eroi Leggendari che tutti noi abbiamo imparato a conoscere grazie ai libri e ai film. Entrambi i mondi sono divisi da una barriera magica insormontabile ai più: le Porte di Avalon. Il passaggio al mondo magico è consentito solo a chi riceve l’invito da parte del grande Mago Merlino per entrare a far parte dell’Accademia degli Eroi Leggendari.

Angy Pendrake, una normalissima ragazza di New York, viene scelta in quanto erede di Artù. Grazie al suo diario, che altri non è che questo libro, anche noi lettori avremo l’onore di poter varcare le Porte di Avalon e scoprire i segreti che si nascondono nel regno magico.

Da sempre appassionato del ciclo bretone e delle leggende arturiane, mi sono approcciato con entusiasmo alla lettura del primo volume de I Leggendari, la saga ideata da Storybox Creative e pubblicata da Edicart, una casa editrice per ragazzi molto interessante. Devo dirvi che non sono rimasto affatto deluso dalle aspettative, anzi, ho amato questo libro così tanto che adesso non vedo l’ora di leggere anche i seguiti.

Che cosa ha di tanto speciale questo romanzo, vi chiederete voi? Innanzitutto, l’idea di base: far rivivere le leggende del passato attraverso gli occhi dei ragazzi di oggi. Se in un primo momento avevo trovato stonato l’inserimento nella storia di aggeggi moderni quali tablet, smartphone e internet, perché credevo erroneamente di trovarmi di fronte a un fantasy classico, andando avanti con la lettura ho compreso perfettamente l’intento dell’autrice e ora posso affermare che la sua intuizione si è rivelata geniale.

Siamo cinque, abbiamo tra i sedici e i diciotto anni e siamo equipaggiati con armi, armature e smartphone.

La storia è narrata in prima persona dalla protagonista stessa del romanzo, Angelica Pendrake (che viene indicata anche come scrittrice del romanzo stesso – altro colpo di genio), discendente niente poco di meno che da Arthur Pendragon, quello della spada di Excalibur, per intenderci, mica uno qualunque. Rivolgendosi direttamente al lettore, gli narra la sua avventura partendo però dalla sua vita quotidiana, in cui il bullo della scuola continua a perseguitarla, i suoi genitori sono sempre fuori per lavoro, fino all’arrivo di una strana pergamena con la quale viene invitata a sostenere le prove di ammissione alla Prestigiosa Accademia degli Eroi Leggendari!

 Se all’inizio Angy la prende sul ridere, pensando sia tutto uno scherzo, quando invece si trova di fronte a Nyneve, la Dama del Lago, ritta in piedi su una barca pronta a traghettarla verso Avalon, la ragazza deve per forza ricredersi. Non sta sognando: il castello che si erge davanti ai suoi occhi è tutto reale.

Dopo l’incredulità iniziale, Angy fa la conoscenza di Myrddin, conosciuto come Merlino, quello che “nel cartone canta le canzoncine facendo ballare le tazze”, come osserva ironicamente Rob, uno degli altri ragazzi prescelti. Il mago rivela che loro sono gli eredi degli Eroi Leggendari e che il suo compito è quello di proteggerli e di guidarli nella scoperta del loro retaggio antico.

Insieme ai suoi due nuovi compagni, Rob e Tyra, che incarnano lo spirito di Robin Hood e di Europa, Angy inizierà il suo allenamento presso l’Accademia e scoprirà ben presto che nel suo mondo reale si nasconde da secoli una minaccia che potrebbe portare alla distruzione del regno magico. Il suo nome è Morgaine le Fay, da tutti conosciuta come la fata Morgana.

https://www.facebook.com/ileggendari.edicart/

L’autrice è stata molto abile nel dare vita a una storia che prende spunto dalle leggende più conosciute mettendole al servizio di giovani protagonisti dei giorni nostri. Così, grazie alle avventure di Angy, Rob e Tyra, che si aiutano a vicenda per superare gli allenamenti nell’Accademia e per sventare i piani di Morgana, il lettore avrà modo di conoscere e di approfondire anche i miti legati a Excalibur, ai cavalieri della tavola rotonda e a Mordred.

Inoltre, alla fine del libro c’è anche un glossario in cui viene spiegata in ordine alfabetico la storia di ogni leggenda che compare all’interno della storia.

Era assurdo, pensavo: giusto poche ore prima ero seduta sulla metropolitana di New York, in fuga dalla scuola per evitare una sospensione. E adesso stavano per consegnarmi Excalibur. Quella Excalibur.

Uno degli aspetti del libro che ho apprezzato di più è sicuramente il messaggio: ognuno può essere un eroe a modo suo, basta solo avere tanto coraggio e non arrendersi mai. Cercare di superare le proprie paure è quello che ci rende fieri di noi stessi, ed è questa la lezione che avranno modo di imparare i giovani allievi durante il loro percorso all’interno dell’Accademia. Infatti, tutti quelli che giungono ad Avalon sono dei ragazzi normali, senza nessun talento particolare: c’è chi ama i videogiochi, chi stare sui social a farsi selfie, chi allenarsi per tutto il giorno. A guardarli, non si direbbe proprio che possano essere degli eroi. L’autrice avrebbe forse potuto prendere la via più semplice, donar loro dei poteri o delle abilità magiche, renderli dei paladini della giustizia. Invece ha preferito azzardare presentando dei ragazzi con cui tutti i lettori possano identificarsi. Secondo me, questa è stata la scelta più giusta, perciò non posso fare altro che congratularmi con lei.

Essendo il primo volume di una trilogia, Le porte di Avalon ha il compito di introdurci ai personaggi principali e di darci un assaggio di quello che sarà il fulcro della saga: la battaglia contro la fata Morgana e il ritrovamento di re Artù.

Non vedo l’ora di tuffarmi nel secondo volume, intitolato Gli inganni di Morgana, per sapere come proseguirà la storia. Intanto ringrazio la casa editrice Edicart per questa collaborazione e invito tutti quanti a fare un salto sul mio canale YouTube per gustarvi il video che ho preparato per voi.

Ricordatevi di iscrivervi al mio canale!

Fatemi sapere se avete già letto I Leggendari o se la mia recensione vi ha incuriosito. Ci vediamo alla prossima!Copertina rigida : 345 pagine

  • Copertina rigida : 345 pagine
  • Editore : Edicart (11 ottobre 2018)
  • Dimensioni : 14.5 x 3.6 x 21.8 cm
  • Lingua: : Italiano